Funzioni

Le funzioni connesse alle politiche regionali:

Il Comitato opera per consentire la funzione di controllo sull’attuazione delle leggi mediante:

  • proposte di clausole valutative;
  • pareri alle Commissioni sulla formulazione di clausole valutative o norme di rendicontazione;
  • verifiche  nell’applicazione delle clausole valutative e delle norme di rendicontazione in vigore e comunicazione degli esiti alla Commissioni competenti;
  • iniziative per ottenere informazioni dai soggetti attuatori delle politiche regionali oltre a promuovere lo svolgimento di missioni valutative.

Il Comitato esprime pareri

Il Comitato si esprime obbligatoriamente su clausole valutative e norme di rendicontazione presenti nei progetti di legge e progetti di testi unici regionali, di legge di abrogazione generale, legge di riordino o di manutenzione dell’ordinamento regionale.

Con l’esercizio di questa funzione il Comitato può contribuire a far sì che le norme relative al controllo e alla valutazione inserite nella legislazione regionale siano effettivamente finalizzate ad analizzare tempi, modalità e risultati delle politiche implementate con riferimento alla semplificazione, riordino e riduzione della normativa vigente. Esercita tale ruolo proponendo eventuali emendamenti che ritiene opportuni. 

Le iniziative esterne del comitato

Il Comitato, oltre alla ordinaria attività consultiva, può essere promotore di iniziative a carattere inter- istituzionale.

Tali iniziative hanno finalità di riflessione sui problemi di metodo della legislazione e sulle principali tendenze che si manifestano nella dinamica dei fenomeni decisionali pubblici.
Esse si propongono di gettare le basi per un dialogo su questi temi tra esponenti istituzionali appartenenti ai diversi livelli dell'ordinamento e più impegnati su problemi specifici di funzionamento del nostro sistema istituzionale.

Le funzioni connesse alla qualità della normazione:

Il Comitato formula proposte sulla qualità dei testi, con riguardo alla loro omogeneità, alla semplicità, chiarezza e proprietà della loro formulazione, nonché all’efficacia per la semplificazione   mediante:

  • adozione di testi unici;
  • abrogazione generale di leggi  o regolamenti tacitamente abrogati;
  • riordino e riduzione normativa vigente;
  • parere sui progetti unici regionali, di legge di abrogazione generale;
  • parere su legge di riordino o di manutenzione dell’ordinamento regionale;
  • iniziative per garantire la diffusione del rapporto annuale sulla normazione;